Test per la celiachia: come e dove farli

Test per la celiachiatest celiachia

Se dopo aver mangiato un piatto di pasta, un panino o una pizza vi sentite poco bene, accusate gonfiori addominali o siete spesso stanchi e affaticati, il colpevole potrebbe essere il glutine.

La malattia celiaca, infatti, colpisce oltre 180.000 persone in Italia ma prima di allarmarvi ed eliminare il glutine dalla vostra dieta, è bene sottolineare che i motivi della vostra mal tolleranza ai farinacei possono essere diversi e solo gli esami specifici possono stabilire esattamente quale sia la causa.

Per diagnosticare la celiachia, infatti, occorre sottoporsi a specifici test e solo uno specialista può rilasciare una diagnosi ufficiale. Vediamo allora quali sono i test per la celiachia, chi può prescriverli e dove si effettuano.

Esami del sangue per la celiachia: il primo step


In base ai sintomi e in caso di sospetta celiachia, il medico di base può prescrivere i test sierologici, cioè le analisi del sangue per la ricerca degli anticorpi che si attivano in caso di malattia celiaca.

In particolare, gli anticorpi che vengono ricercati sono i tTg IgG e IgA (Anti Transglutaminasi) e talvolta si valutano anche gli AGA (anticorpi anti gliadina) e gli EMA (anticorpi anti-endomisio).

In alcuni casi, questi test possono essere sufficienti per diagnosticare la celiachia. È il caso dei bambini per i quali il Ministero della Salute con l’Associazione Italiana Celiachia, con il “Protocollo per la diagnosi e il follow-up della celiachia”, emanato nel 2015, ha introdotto la possibilità di diagnosticare la malattia senza biopsia duodenale, la quale invece resta ancora un esame fondamentale per gli adulti. Ricordiamo che, dal momento che l’ereditarietà è un fattore di rischio molto forte nella celiachia, in caso di confermata diagnosi è molto probabile che il medico consigli un investigazione genetica al primo grado familiare degli aplotipi HLA-DQ2 e DQ8. Anche il monitoraggio della malattia è molto importante, soprattutto nei più piccoli, dove il primo controllo viene effettuato nei primi sei mesi dalla diagnosi e successivamente una volta l’anno.

Biopsia duodenale per diagnosticare la celiachia


Nonostante l’iter diagnostico della celiachia sia sempre più semplice e snello, al punto che con i nuovi LEA 2017 la patologia è stata inserita tra le malattie croniche, la biopsia duodenale è ancora l’esame più affidabile per diagnosticare ufficialmente la malattia celiaca.

Trattandosi di un esame invasivo, da effettuare in ospedale con personale medico specializzato, è facilmente comprensibile come mai adesso ne abbiano ridotto il ricorso nei bambini. Tuttavia, la biopsia duodenale è indispensabile per verificare l’atrofia dei villi intestinali e le altre alterazioni provocate dall’assunzione di glutine nei soggetti malati.

Abbiamo detto che si tratta di un esame invasivo, infatti, per effettuarlo occorre introdurre dalla bocca un tubicino dotato di telecamera in grado di mostrare le pareti dell’intestino e prelevare parti di tessuto da analizzare.
Ricordiamo che quando si decide di sottoporsi a questa tipologia di esame o ad altri test per la celiachia, è di fondamentale importanza non seguire una dieta priva di glutine per almeno 6 settimane prima del test poiché questo potrebbe compromettere l’esito degli esami.

 

Chi può prescrivere i test per la celiachia


Le prime analisi del sangue per la ricerca di anticorpi specifici possono essere prescritte dal medico di base o dal pediatra.
In base ai sintomi, il medico deciderà se effettuare test più specifici o meno e, in caso di sospetta celiachia, se indirizzarvi verso uno specialista.

Infine, non bisogna dimenticare che, in caso di presenza di fattori di rischio come:
– familiarità alla celiachia
– essere affetti da patologie auto-immuni
– sindrome di Down

I test per la celiachia dovrebbero essere effettuati periodicamente e sempre su richiesta del medico.

 

24 Condivisioni

Be the first to comment on "Test per la celiachia: come e dove farli"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi