ALLERGIA AL CANE? Buone notizie per gli amanti degli animali!

allergia al cane

Secondo le ultime statistiche nelle famiglie italiane vivono circa 60 milioni di animali e fra loro circa 7 milioni sono cani. Convivere con gli animali, però, non è sempre facile. Per alcuni le difficoltà possono nascere da problemi organizzativi, mentre per altri possono essere causate da indesiderate reazioni allergiche. L’allergia al pelo del cane, ad esempio, è un disturbo molto comune ed è una delle maggiori cause di allergia respiratoria.

Quello che non tutti sanno però, è che l’allergia può dipendere dal sesso dell’animale; questo significa che una persona potrebbe non essere allergica al cane femmina ed esserlo solamente al cane maschio.

Quindi, prima di rinunciare alla compagnia di un animale domestico, è bene accertare il tipo di allergia.

Che cosa causa l’allergia al pelo del cane?


L’allergia al pelo del cane è causata dagli allergeni che si trovano nella forfora, nella pelle, nella saliva, nel sangue e nell’urina dell’animale. Gli allergeni spesso vengono trasportati dai vestiti ed è per questo che non è raro trovarli anche in ambienti in cui gli animali non sono presenti come, per esempio, asili, automobili, autobus o altri luoghi pubblici.

Gli allergeni riconosciuti sono sei: Can f1, f2, f3, f4, f5, f6. Da studi recenti è emerso che la componente molecolare Can f5 è prodotta esclusivamente dai cani maschi poiché regolata dalla secrezione androgenica e diminuisce fortemente se l’animale viene castrato.

Sintomi e diagnosi


I disturbi respiratori, come asma e rinite, sono tra i principali sintomi dell’allergia al pelo del cane ma possono manifestarsi anche dermatiti, orticarie e congiuntiviti. In particolare, prurito al naso e alla gola, arrossamento e gonfiore agli occhi, frequenti starnuti, respiro corto o sibilante sono tutti campanelli d’allarme di una possibile allergia al pelo del cane.

In questi casi, la cosa migliore da fare è sottoporsi a test allergologici. Grazie ad un semplice prelievo di sangue, si possono effettuare esami allergologici specifici, come il Rast Test, che permette di individuare la componente molecolare e capire se il soggetto sia allergico al cane maschio o al cane femmina.

Ma le buone notizie non sono finite! Se fino a qualche mese fa la prescrizione dei test allergologici doveva essere fatta da un allergologo, adesso è sufficiente rivolgersi al proprio medico di base. Questa novità non solo semplifica l’iter diagnostico, ma comporta un risparmio per tutte quelle persone che sospettano di soffrire di una qualche forma di allergia.

Cosa fare in caso di allergia al cane


  1. Rivolgersi al proprio medico di base per richiedere la prescrizione degli esami allergologici
  2. Evitare di fare entrare il cane in camera da letto o, se si dispone di un giardino, far vivere l’animale all’aria aperta
  3. Tenere l’ambiente domestico pulito e utilizzare aspirapolvere dotati di filtro HEPA
  4. Rimuovere tappeti, tende e cuscini su cui possono facilmente depositarsi gli allergeni
  5. Eliminare i peli dai propri vestiti con strumenti appositi, come spazzole e rotoli adesivi
  6. Coprire i sedili dell’auto e i divani di casa con un materiale aspirabile e lavabile

 

Fonti:

http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S221321981730199X

Disclaimer

11 Condivisioni

Be the first to comment on "ALLERGIA AL CANE? Buone notizie per gli amanti degli animali!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi