Allergia all’alternaria: una muffa molto fastidiosa

allergia all'alternaria

Si parla genericamente di muffa, ma in realtà ne esistono tante varietà, tra cui una delle più diffuse e fastidiose è l’alternaria. Ma perché fastidiosa? Non solo perché si forma su alimenti, tessuti e legna, ma anche perché può provocare reazioni allergiche, diffondendo le proprie spore nell’ambiente. L’allergia all’alternaria è davvero antipatica, probabilmente una delle più antipatiche tra le allergie alle muffe. Le sue spore sono molto piccole e si inalano con facilità, inoltre, possono raggiungere anche grandi distanze e quindi non è così scontato associare i sintomi alla presenza di questa muffa.

Il suo periodo di sviluppo va generalmente da maggio a novembre, con un picco di generazione di spore tra agosto e settembre. L’alternaria si può formare facilmente in casa, perciò occorre fare estrema attenzione alla sua eventuale presenza, soprattutto, ma non solo, se si è allergici.

Dove si forma la muffa alternaria


La muffa alternaria si sviluppa in ambienti umidi con temperature comprese tra i 18 e i 32 gradi. In particolare, si forma su frutta e legno in decomposizione, sui tessuti, sulle foglie di molte piante e sui terreni umidi, nell’acqua di condensa che spesso si genera sulle finestre di casa, negli impianti dell’aria condizionata. Non sempre è visibile e perciò non è così facile individuarla. Inoltre, come già accennato, le sue spore allergeniche possono viaggiare molto. Per esempio, quando si forma negli impianti dell’aria condizionata, le spore dell’alternaria possono poi diffondersi facilmente e rapidamente nell’ambiente insieme all’aria fresca. Attenzione dunque a questi impianti, soprattutto se avete bambini, i più colpiti da questa forma allergica.

Sintomi dell’allergia all’alternaria


I principali sintomi dell’allergia all’alternaria sono quelli tipici delle allergie respiratorie: riniti allergiche, dermatiti e attacchi d’asma. In particolare, è l’asma a predominare in questa forma allergica. Studi in materia hanno riscontrato che buone percentuali di asmatici risultano sensibili a questa muffa. Soprattutto nelle forme più gravi di asma, l’allergia all’alternaria risulta essere spesso presente. A essere maggiormente colpiti sono i bambini.

In caso di sintomi sospetti e di attacchi d’asma, rivolgetevi al vostro medico di base, o al pediatra, che potrà prescrivervi delle prime analisi sierologiche che mirano a individuare l’eventuale presenza di allergie. Grazie ai LEA 2017, il medico di medicina generale ha facoltà di prescrivere dei test allergologici per analizzare un massimo di 8 allergeni.

Come evitare il formarsi della muffa alternaria


Come si dice, la prevenzione è la miglior cura, quindi, il miglior modo per affrontare l’allergia all’alternaria è limitare il più possibile la formazione di questa muffa. Ecco alcuni suggerimenti:

  • non accatastare legna in luoghi umidi o all’aperto;
  • non riporre negli armadi scarpe e indumenti umidi;
  • conservare correttamente gli alimenti, in particolare frutta e verdura;
  • tenere sotto controllo il livello di umidità degli ambienti chiusi, arieggiandoli il più possibile;
  • utilizzare un deumidificatore;
  • programmare frequentemente interventi di manutenzione e pulizia degli impianti di condizionamento di casa e/o dell’auto;
  • limitare la presenza di piante in casa e/o accertarsi che non si formi muffa sulle loro foglie.

I consigli appena dati valgono un po’ per tutti, ma a maggior ragione per gli allergici alle muffe. Se avete il dubbio di poter essere allergici a qualcosa, non esitate a parlarne con il vostro medico di base, che potrà prescrivervi delle prime analisi, senza dover ricorrere subito al medico specialista a pagamento.

Fonti

https://www.allergiastop.it/allergia-allalternaria-sintomi-e-problemi/

http://www.allergologo.net/2014/08/18/alternaria-ecco-cose-dove-cresce-e-come-evitarla/

http://www.phadia.com/en/Products/Allergy-testing-products/ImmunoCAP-Allergen-Information/Molds-and-other-Microorganisms/Allergens/Alternaria-alternata-/

Disclaimer

78 Condivisioni

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi