Dermatite atopica e allergie: uno stretto legame

dermatite atopica e allergie

La dermatite atopica è uno dei sintomi tipici delle allergie, anche quando ci troviamo in presenza di forme allergiche alimentari e inalanti. Il nostro corpo è tutto collegato, quindi una reazione della pelle può non essere causata solo dalle allergie da contatto. Perciò, in caso di sintomi cutanei sospetti, consultate il vostro medico di base, o il pediatra, che può prescrivervi dei primi test allergologici grazie ai nuovi LEA, cioè i nuovi Livelli Essenziali di Assistenza introdotti nel 2017.

In base alla vostra storia clinica e ai sintomi che manifestate, le analisi andranno a ricercare le IGE totali o specifiche, cioè gli anticorpi che si attivano a contatto con l’allergene. Uno dei metodi meno invasivi per fare questi esami è il Rast Test, cioè l’analisi sierologica. Nel caso della dermatite atopica, si può prescrivere, inoltre, il patch test cutaneo, anch’esso volto a individuare le IGE specifiche coinvolte nella reazione allergica.

Dopo questa premessa, vediamo come si manifesta la dermatite atopica, quando si presenta e quali allergie la scatenano.

Come si manifesta la dermatite atopica


Questa particolare forma di dermatite si può presentare con le seguenti manifestazioni cutanee:

  • pelle secca e sensibile;
  • prurito;
  • arrossamenti;
  • pelle squamosa;
  • zone essudanti, cioè che sudano eccessivamente;
  • croste;
  • pelle ruvida e con rilievi;
  • presenza di noduli.

Non si tratta quindi di un disturbo che si manifesta con un solo sintomo, ma sono diverse le anomalie dell’epidermide che si possono presentare. Inoltre, in base all’età del soggetto, i sintomi cutanei si possono manifestare in zone diverse: se nel neonato sono soprattutto la pelle delle guance, della fronte, delle orecchie e il cuoio capelluto a essere interessati dalla dermatite, con il passare dei mesi si può arrivare al tronco e agli arti. Successivamente la dermatite atopica si può presentare con lesioni meno acute e concentrate sui polsi, sulle mani, sul collo, sulle caviglie e nell’incavo dei gomiti. Infine, verso l’adolescenza possono essere il collo, il viso, le estremità degli arti e le pieghe le zone più colpite.

Quando esordisce la dermatite atopica


La medicina distingue tra due forme di dermatite atopica, una precoce e una tardiva. La precoce si manifesta, nelle forme più gravi, nel primo anno di vita o addirittura nei primi mesi; oppure, con gravità variabile, si può formare nei primi due anni. In entrambi i casi sono soprattutto gli allergeni alimentari a provocare la dermatite.

La forma tardiva si individua dopo i due anni e sembrerebbe meno legata agli allergeni alimentari; questa però presenta un maggior perdurare dei sintomi.

Oltre all’origine allergica, ci sono altri fattori che concorrono all’insorgere della dermatite atopica: iperreattività cutanea; minore secrezione sebacea; iperidrosi (sudorazione eccessiva); suscettibilità alle infezioni da stafilococco; ipersensibilità all’istamina; ridotta soglia di sopportazione del prurito scatenato da stimoli termici, fisici o psichici (come lo stress).

In particolare riferimento all’asma, i professori e medici Luisa Businco e Paolo Meglio hanno pubblicato sul sito di SIAIP, la Società Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica, un interessante e ben fatto approfondimento dedicato alla dermatite atopica e ai suoi fattori scatenanti, sottolineando, tra le altre cose, la forte componente genetica della predisposizione a questa forma di dermatite.

Quali allergie scatenano la dermatite atopica


Ma quali sono le allergie che possono scatenare i sintomi della dermatite atopica? Nei primi anni di vita, troviamo l’uovo, la soia e il latte vaccino mentre, successivamente, il pesce, le arachidi e le noci. Anche per questo motivo, lo svezzamento è un momento delicato a cui prestare estrema attenzione.

Per quanto riguarda le allergie respiratorie, la dermatite atopica può essere peggiorata dagli acari, dai pollini e dall’epitelio degli animali.

Per fortuna, la ricerca scientifica sta dedicando molte energie allo studio della dermatite atopica e delle sue cause. Solo conoscendo l’origine di un disturbo è possibile gestirne nel migliore dei modi i sintomi.

 

Fonti

https://www.siaip.it/upload/23.pdf

http://www.eaaci.org/attachments/304_Italian.pdf

https://www.aha.ch/centro-allergie-svizzera/info-sulle-allergie/eczema-reazione-della-pelle/dermatite-atopica-neurodermite/?oid=1579&lang=it

https://www.siaip.it/upload/riap/291_Utilit%C3%A0%20della%20determinazione%20delle%20IgE%20specifiche%20nel%20bambino%20con%20dermatite%20Atopica.pdf

Disclaimer

219 Condivisioni

Be the first to comment on "Dermatite atopica e allergie: uno stretto legame"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi