Intolleranza al fruttosio: può essere una malattia ereditaria

intolleranza al fruttosio

Ancora oggi si fa confusione sull’argomento, ma le allergie e le intolleranze alimentari sono due cose diverse: le prime sono una reazione anomala del sistema immunitario, le seconde rappresentano la difficoltà o l’impossibilità di digerire alcune sostanze, come nel caso dell’intolleranza al fruttosio o del suo malassorbimento.

Il fruttosio è uno zucchero, un carboidrato semplice, contenuto nella frutta. Si può essere intolleranti verso questo nutriente in modi diversi. Infatti, esiste una forma ereditaria di intolleranza chiamata fruttosemia oppure si può presentare un meno grave malassorbimento.

Vediamo allora insieme come si manifesta l’intolleranza al fruttosio e come si può diagnosticare.

Origine dell’intolleranza ereditaria al fruttosio


Innanzitutto, è bene sottolineare che il malassorbimento del fruttosio è diverso dalla fruttosemia, cioè l’intolleranza ereditaria al fruttosio. Essa ha origine dal deficit ereditario di fruttosio-1-fosfato aldolasi, cioè l’assenza di un enzima in grado di digerire il fruttosio; come vedete, il sistema immunitario non è assolutamente coinvolto nel processo, come invece avviene con le allergie.

Per quanto si tratti di una condizione piuttosto rara, i soggetti che ne soffrono di solito devono completamente rinunciare agli alimenti che contengono fruttosio, che non sono solo la frutta, bensì anche il miele, alcune verdure e lo sciroppo di mais, utilizzato in molti dolcificanti e bibite.

Nei soggetti adulti che presentano questo disturbo sembra manifestarsi un fenomeno particolare: la maggior parte di essi non ha carie. Già una ricerca del 1963 pubblicata sul The American Journal of Medicine aveva evidenziato che i pazienti studiati non presentavano carie, un problema dentale molto diffuso tra le persone.

Sintomi del malassorbimento del fruttosio


Come accennato, diverso è il “semplice” malassorbimento del fruttosio; in questo caso la proteina addetta al trasporto del fruttosio non funziona correttamente e quindi lo zucchero non viene assorbito totalmente dalle cellule intestinali, provocando disturbi. Se consumato in abbinamento con alimenti ricchi di acidi grassi, proteine o glucosio, il fruttosio risulta, generalmente, più assorbibile.

I principali sintomi sono per lo più di natura gastrointestinale:

  • gonfiore addominale;
  • flatulenza;
  • dolori addominali;
  • nausea;
  • eruttazione;
  • vomito;
  • diarrea o stitichezza.

Come vedete, si tratta dei disturbi tipici delle forme di intolleranza o sensibilità verso gli alimenti. A differenza delle allergie alimentari, che possono provocare anche sintomi extra-intestinali, in questi casi è l’apparato gastrointestinale a essere coinvolto.

Diagnosi delle intolleranze


Se presentate disturbi strani o sospetti quando ingerite frutta, miele o altri alimenti ricchi di fruttosio, non esitate a consultare il vostro medico di base, che potrà prescrivervi delle prime prove allergiche grazie ai LEA introdotti nel 2017. Perché proprio dei test allergologici? Perché come prima cosa sarebbe bene prima escludere l’eventuale presenza di allergie, che possono scatenare sintomi ben più gravi di un’intolleranza.

Una volta esclusa l’opzione allergia, per diagnosticare l’intolleranza al fruttosio bisogna sottoporsi al Breath Test H2. Ricordiamo che questo tipo di test non è in grado di diagnosticare le allergie: per queste sottoponetevi solo a test allergologici affidabili e prescrivibili dal medico (quello di base prima e poi eventualmente l’allergologo). Il primo passo per gestire allergie e intolleranze è una corretta diagnosi.

 

Fonti

https://www.amjmed.com/article/0002-9343(63)90050-0/fulltext

https://www.nature.com/articles/ajg2003313

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3934501/

https://en.wikipedia.org/wiki/Fructose_malabsorption

https://www.aha.ch/centro-allergie-svizzera/info-sulle-allergie/allergia-intolleranze/intolleranza-alimentare/malassorbimento-fruttosio/?oid=2770&lang=it

Disclaimer

36 Condivisioni

Be the first to comment on "Intolleranza al fruttosio: può essere una malattia ereditaria"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi