Vitamina D e allergie: cosa le collega

vitamina d e allergie

Per la nostra salute e il nostro organismo le vitamine sono molto importanti, sotto diversi punti di vista. Tra i tanti rapporti che uniscono vitamine e salute, ci sarebbe un forte legame tra vitamina D e allergie. Sono numerose le ricerche scientifiche, ad esempio, che collegano la carenza di vitamina D in gravidanza con il futuro sviluppo di allergie nei neonati.

Andiamo a conoscere meglio questa vitamina e come il suo scarso apporto potrebbe influire sulla salute nostra o dei nostri figli.

Che cos’è la vitamina D


La D è una vitamina idrosolubile ed è un pre-ormone da cui deriva il calcitrolo, una sostanza che serve per la crescita delle ossa e dei muscoli. Essa gioca un ruolo importante anche nella formazione del sistema immunitario e nel metabolismo dello zucchero. Come vedete, la sua presenza influisce anche sul sistema immunitario, cioè colui che scatena le allergie in un soggetto. Ricordiamo che una reazione allergica avviene quando si attivano in modo anomalo alcuni anticorpi a contatto con sostanze in realtà innocue.

Carenza di vitamina D in gravidanza e allergie


Nel 2009, sulla rivista Clinical & Experimental Allergy è stata pubblicata una ricerca che si basa sui conosciuti effetti immunologici attribuiti alla vitamina D. Gli studiosi sono arrivati alla conclusione che un’adeguata assunzione di vitamina D attraverso il cibo in gravidanza potrebbe ridurre il rischio di sviluppo di asma e rinite allergica nei figli. Da sottolineare che il solo apporto attraverso integratori vitaminici non sembrerebbe avere benefici. Ma non si tratta dell’unico studio in merito all’assunzione di vitamina D in gravidanza.

Altre ricerche hanno messo in luce la possibile correlazione tra la carenza di vitamina D in gravidanza e lo sviluppo di allergie dei bambini, in particolare dermatite atopica, asma e allergie alimentari. Altri studi ancora sembrano dimostrare un miglioramento dei sintomi nei soggetti allergici che non hanno carenza di vitamina D.

Quando parliamo di carenza non dobbiamo pensare a una condizione patologica. Molte persone ormai lavorano al chiuso e, visto che l’esposizione solare favorisce la naturale sintesi della vitamina D nel nostro organismo, può capitare di soffrire di carenza di vitamina D, in particolare in gravidanza, periodo in cui il corpo delle donne vede aumentato il fabbisogno di vitamine e minerali.

In ogni caso, se voi o i vostri bambini presentate sintomi anomali o asma e rinite, sarebbe opportuno indagare sulle cause parlandone con il medico di famiglia o il pediatra. Grazie ai nuovi LEA introdotti nel 2017, essi possono prescrivervi dei primi test allergologici, dai quali poi eventualmente partire con una diagnosi più approfondita. Diagnosticare correttamente un’allergia è il primo passo per affrontarla al meglio, aumentando, se necessario e consigliato dal medico, anche l’apporto di vitamina D.

Dove si trova la vitamina D


Ma dove troviamo la vitamina D? Abbiamo già accennato che l’esposizione solare è un buon metodo per assumere questa vitamina, ma non è l’unico e, soprattutto, non è sempre fattibile. Essa è presente in buone quantità anche nei seguenti alimenti: tuorlo d’uovo, formaggi e pesci più grassi, latte e derivati, verdure a foglia verde, fegato e olio di fegato di merluzzo.

Fortunatamente, non è necessario consumare cibi con vitamina D tutti giorni visto che essa si accumula nel fegato formando delle riserve. Tuttavia, non bisogna sottovalutare il suo consumo e la sua assunzione anche attraverso un’adeguata esposizione solare.

 

Fonti

https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1111/j.1365-2222.2009.03234.x

https://www.immunology.theclinics.com/article/S0889-8561(10)00043-3/abstract

https://allergo.it/allergie-orticaria-dermatite-atopica-vitamina-d-asma/

https://www.humanitas.it/enciclopedia/vitamine/vitamina-d

https://www.atsjournals.org/doi/full/10.1164/rccm.201108-1502CI

https://www.jacionline.org/article/S0091-6749%2815%2900911-2/abstract

http://www.riaponline.it/wp-content/uploads/2017/05/04_Della-Giustina_Allergie-1.pdf

Disclaimer

151 Condivisioni

Be the first to comment on "Vitamina D e allergie: cosa le collega"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi