Raffreddore o allergia? Come distinguerli

raffreddore o allergia

Raffreddore o Allergia? Quante volte vi siete posti questo quesito? Effettivamente, allergie e raffreddori si possono assomigliare molto, rendendo difficile distinguerli senza un’accurata diagnosi. Ma seppur difficile in apparenza, nella sostanza appositi esami ufficiali possono fugare ogni dubbio sui due disturbi. Le forme allergiche che più assomigliano al raffreddore sono quelle di tipo inalante come l’allergia ai pollini, agli acari della polvere, alle muffe e alle secrezioni degli animali.

Vediamo allora cosa differenzia il raffreddore dalle sindromi allergiche.

I sintomi in comune tra allergie e raffreddore

Iniziamo dai sintomi in comune tra i due disturbi, per colpa dei quali può risultare difficile capire se siamo di fronte a un semplice raffreddore o a una malattia allergica (sempre in assenza di diagnosi):

  • naso chiuso e gocciolante (congestione nasale);
  • mal di gola;
  • stanchezza;
  • prurito al naso e alla gola;
  • starnuti.

Le differenze tra allergia e raffreddore

Eppure, tra raffreddore e allergia ci sono differenze notevoli e non trascurabili. Vediamole insieme.

  • Causa: i raffreddori sono causati da virus, mentre le allergie sono scatenate da un’anomala risposta del sistema immunitario a contatto con elementi considerati erroneamente pericolosi (allergeni);
  • Sintomi: per esempio, la febbre può venire con il raffreddore ma difficilmente con una reazione allergica, così come i dolori alle ossa; viceversa, il prurito agli occhi, l’eccessiva lacrimazione e le dermatiti sono solitamente correlati alle allergie e non alle sindromi da raffreddamento;
  • Stagionalità: i sintomi allergici che più assomigliano al comune raffreddore compaiono ogni anno nello stesso periodo, per diverse settimane o mesi, e poi spariscono, mentre la sindrome da raffreddamento ha una durata minore, di solito 7/10 giorni, e si presenta soprattutto con l’abbassarsi delle temperature (autunno/inverno).
  • Cura: sebbene alcuni sintomi possano essere simili, un’allergia non può essere curata come un raffreddore, avendo cause totalmente diverse. Prevenzione, ridotta esposizione agli allergeni e particolari farmaci sono indicati per le malattie allergiche (dipende molto dal grado e dal tipo di allergia). Il raffreddore si “cura” riposando, stando al caldo e assumendo farmaci o rimedi per i singoli sintomi, come decongestionanti nasali e sciroppi per il mal di gola. La prescrizione di una terapia, in particolare per le allergie, spetta al vostro medico curante

Diagnosi delle allergie

Abbiamo già anticipato che, viste le somiglianze tra allergie e raffreddore, l’unico modo serio e affidabile per capire se abbiamo una malattia allergica, in particolare respiratoria, o soffriamo semplicemente di frequenti raffreddori è la diagnosi. Ma come si diagnosticano le allergie? Innanzitutto, grazie ai LEA emanati nel 2017, potete farvi prescrivere dei primi test allergologici dal vostro medico di base, o dal pediatra se si tratta di vostro figlio. Il medico di medicina generale può prescrivere delle analisi del sangue, dette Rast Test, che possono comprendere fino a un massimo di 8 allergeni inalanti o alimentari. Consultandovi con il dottore, se lo riterrà necessario, esso ha dunque la facoltà di prescrivervi i primi esami.

In base al responso delle prime prove allergiche, il medico di base può indirizzarvi verso uno specialista a pagamento con il quale potete proseguire, eventualmente, la diagnosi e capire se ciò che vi attanaglia così spesso è una o più allergie, oppure un banale per quanto fastidioso raffreddore.

Fonti

https://www.health.harvard.edu/diseases-and-conditions/is-it-a-cold-or-allergies

https://www.medicalnewstoday.com/articles/315756.php

https://www.webmd.com/allergies/sinus-nose-tool/allergies-or-cold

https://ilmiorespiro.it/rinite-allergica/sintomi/

Disclaimer

54 Condivisioni

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi