Allergia alle carote: anche le verdure possono causare allergie

allergia alle carote

Colore vivace, tante vitamine e benefiche proprietà. La carota è una verdura preziosa per la nostra salute eppure esiste, tra le tante, anche l’allergia alle carote, non così rara come si potrebbe pensare. Infatti, per esempio, continui studi condotti presso l’ospedale universitario di Zurigo in Svizzera hanno rilevato, nei gruppi analizzati, una maggiore percentuale di allergici alle carote (13%) rispetto a quelli che presentavano reazioni allergiche alle uova di gallina (12%), per quanto comunemente questa forma allergica sia più conosciuta e diffusa. La stessa analisi ha riscontrato un 42% di soggetti allergici al sedano e un 16% ai latticini.

Vista la sua diffusione, andiamo a conoscere meglio questa forma allergica e i suoi sintomi.

Sintomi dell’allergia alle carote

I principali sintomi dell’allergia alle carote sono quelli tipici delle forme allergiche alimentari, tra cui troviamo la sindrome orale allergica e l’asma. Il primo disturbo in particolare ci suggerisce come questa allergia sia collegata alle pollinosi. La sindrome orale allergica, infatti, è un gruppo di disturbi come gonfiore della gola, delle labbra e del palato, che si manifestano negli allergici ai pollini quando ingeriscono alcuni alimenti di origine vegetale (frutta e verdura soprattutto).

Gli allergeni contenuti nelle carote, inoltre, risultano piuttosto resistenti al calore e alla cottura, perciò l’ortaggio cotto tende a non perdere il proprio potenziale allergenico a differenza di altri alimenti.

Potenziali cross-reattività

Ricollegandoci alla sindrome orale allergica, l’allergia alle carote è spesso associata all’allergia ai pollini della betulla, quindi chi soffre di questa pollinosi potrebbe presentare reazioni ingerendo l’ortaggio, ma questo capita solo in alcuni soggetti, non in tutti. Altre potenziali cross-reattività si potrebbero presentare con altri membri della famiglia delle Apiaceae, come il sedano, il finocchio, l’anice, il cumino, l’aneto e il prezzemolo.

Fenomeni di cross-reattività tra gli alimenti non sono rari ma, come abbiamo visto, anche le pollinosi possono essere collegate alle allergie alimentari. Per questo motivo, ma non solo, è utile diagnosticare correttamente le malattie allergiche di cui si potrebbe soffrire. Vediamo come.

Test allergologici alimentari

Se mangiare carote vi provoca fastidi non prettamente digestivi, parlatene con il vostro medico di famiglia e o con il pediatra nel caso siano i vostri bambini a manifestare qualche sintomo. I medici di medicina generale possono prescrivere dei primi test allergologici, delle semplici analisi del sangue che hanno il compito di individuare gli anticorpi che si attivano in caso di reazione allergica, le cosiddette IgE, cioè le Immunoglobine E. Non dovete necessariamente rivolgervi subito a un allergologo a pagamento, ma potete ottenere le prime prescrizioni dal vostro medico di famiglia. Questo è possibile grazie all’introduzione nel 2017 dei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza che permettono ai medici di medicina generale di prescrivere alcuni esami una volta prescrivibili solo dallo specialista. Le analisi che potete richiedere sono chiamate Rast Test e sono poco invasive, trattandosi di semplici prelievi di sangue.

Grazie a questi aggiornamenti dei LEA l’iter diagnostico delle allergie si è notevolmente alleggerito non solo nelle modalità ma anche nei costi. Per una diagnosi completa potrebbero non bastare queste analisi, ma sono il primo passo fondamentale per scoprire se si soffre davvero di allergia.

Fonti

http://www.phadia.com/en/Products/Allergy-testing-products/ImmunoCAP-Allergen-Information/Food-of-Plant-Origin/Vegetables/Carrot/

https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1111/j.1398-9995.1983.tb01602.x

https://europepmc.org/article/med/8507047

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9816924

Disclaimer

140 Condivisioni

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi