Allergia alle albicocche: cosa può provocare questo frutto

allergia alle albicocche

Anche l’allergia alle albicocche esiste. Se ne parla di meno rispetto a quella provocata dalle “cugine” pesche, protagoniste talvolta di severe reazioni allergiche, ma anche questi gustosi e amati frutti estivi possono provocare disturbi nei soggetti predisposti. Ricordiamo che solo gli allergici sperimentano sintomi strani quando consumano le albicocche, gli altri possono stare tranquilli.

Detto questo, vediamo quali fastidi può scatenare l’albicocca e quali fenomeni di cross-reattività possono verificarsi. 

Sintomi dell’allergia all’albicocca

Tra i principali sintomi dell’allergia alle albicocche troviamo la sindrome orale allergica, ovvero quel gruppo di disturbi che può colpire gli allergici ai pollini quando ingeriscono particolari alimenti, come le albicocche appunto. Nei casi più gravi questi frutti possono provocare anafilassi. In particolare quando il soggetto non soffre di pollinosi, è più probabile il verificarsi di reazioni anafilattiche più intense. Ciò sembra presentarsi soprattutto nell’area del Mediterraneo e nel sud dell’Europa.

Cross-reattività con frutti e pollini

Nell’Europa centrale e del nord, invece, risulterebbe prevalere la presenza di allergia alle albicocche in concomitanza all’allergia ai pollini della betulla, dando vita, dunque, alla sindrome orale allergica citata pocanzi. In alcune aree come la Spagna centrale, invece, avrebbe una maggiore incidenza la correlazione con l’allergia alle graminacee. Quindi alcuni soggetti che soffrono di pollinosi, quando ingeriscono le albicocche, possono presentare sintomi fastidiosi quali arrossamento e prurito alla bocca, rigonfiamento delle labbra e del palato, irritazione e gonfiore della gola.

Le albicocche possono presentare cross-reattività non solo con alcuni pollini bensì anche con altri frutti della famiglia delle Rosacee, in particolare con le pesche. Come emerso da una ricerca pubblicata nel 2000 sul Journal of Allergy and Clinical Immunology, il principale allergene delle albicocche sarebbe una proteina LTP (Lipid Transfer Protein) denominata Pru Ar 3, quasi del tutto omologa a quella presente nelle pesche. 

L’albicocca, inoltre, presenterebbe proteine allergeniche simili a quelle delle ciliegie e di altri frutti facenti parti del genere botanico Prunus come le prugne e le mandorle. La principale proteina LTP di quest’ultime è, oltretutto, quasi identica alla già citata proteina Pru Ar 3 delle albicocche.

Come diagnosticare l’allergia

Tra pesche, ciliegie, mandorle, prugne e albicocche, come possiamo sapere con certezza a cosa siamo allergici? L’unico metodo efficace è ricorrere a test allergologici affidabili, da svolgere presso laboratori analisi ufficiali pubblici o privati. Innanzitutto, in presenza di sintomi anomali, parlatene con il vostro medico di base, o con il pediatra qualora fossero i vostri figli a presentare problemi. Ovviamente, in caso di reazioni gravi, occorre rivolgersi al pronto soccorso. Comunque, considerando il manifestarsi di sintomi non eccessivi, il medico di medicina generale e il pediatra di libera scelta possono prescrivervi delle prime prove allergiche, in particolare delle analisi sierologiche chiamate IgE Specifiche (Rast Test). Queste possono analizzare fino a un massimo di 8 allergeni alimentari o inalanti. In base ai risultati di questi esami potete concordare con il vostro medico il proseguire della diagnosi presso un allergologo. Ciò che è importante sapere è che queste prime prescrizioni possono essere fatte dal medico di famiglia, senza ricorrere subito a uno specialista a pagamento. Tutto ciò è stato reso possibile dall’introduzione nel 2017 dei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, grazie ai quali l’iter diagnostico delle allergie si è notevolmente snellito.

Fonti

http://www.phadia.com/en/Products/Allergy-testing-products/ImmunoCAP-Allergen-Information/Food-of-Plant-Origin/Fruits/Apricot/

https://www.studiomedicobordignon.it/index.php?option=com_content&view=article&id=330:frutti-albicocca-allergia-alla-albicocca&catid=123:eziologia&Itemid=55

https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/0091674994901775

https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0091674900900903

Disclaimer

70 Condivisioni

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi