Allergia al vino e all’uva: quando non è ipersensibilità alimentare

allergia al vino

Il consumo di vino, soprattutto in Italia, è piuttosto diffuso. Forse proprio per questo, non sono molti i casi di allergia al vino, la quale può essere scatenata anche dall’ingestione di uva. Eppure, diversi episodi sono stati registrati e in alcuni si è manifestata una vera e propria anafilassi, sintomo allergico tra i più pericolosi.

Quando si parla di disturbi causati dal vino, l’ipersensibilità non allergica risulta più diffusa dell’allergia vera e propria. Come avviene con l’allergia alla birra, dunque, un maggior consumo di vino non comporterebbe più casi allergici: le persone tendono maggiormente ad avere difficoltà digestive con l’uva e il vino, lasciando “tranquillo” il sistema immunitario.

Vediamo allora come si manifesta l’allergia al vino e all’uva e quali test allergologici fare per diagnosticarla.

Gli allergeni del vino e dell’uva


Gli elementi che scatenano allergie sono detti allergeni e nell’uva ne sono stati individuati alcuni presenti poi anche nel vino. Come avviene nelle pesche e in altri frutti, a causare problemi sarebbero le LTP (Lipid-Transfer Protein) e altre proteine di vario genere.

Uno studio pubblicato sulla rivista scientifica degli International Archives of Allergy and Immunology nel 2007 ha individuato come allergene principale dell’uva una proteina LTP, la Vit v 1, studiando alcuni pazienti che presentavano cross-reattività con altri alimenti contenenti LTP. I ricercatori hanno chiamato questo fenomeno “LTP syndrome”, cioè “sindrome da LTP” per rimarcare quanto alcuni soggetti presentino reazioni allergiche con diversi alimenti accumunati dallo stesso tipo di proteine.

Le reazioni allergiche sono molto varie e cambiano da soggetto a soggetto. Infatti, sono stati individuati pazienti che presentavano disturbi con l’uva ma non con il vino, ma anche persone che presentano sintomi con entrambi e con altri derivati dell’uva. In questo secondo caso, le proteine allergeniche risulterebbero resistere al processo di vinificazione e perciò per gli allergici all’uva può essere pericoloso anche il consumo di vino.

I sintomi allergici


I principali sintomi dell’allergia al vino e all’uva sono:

L’ultimo sintomo in particolare, l’anafilassi, non sarebbe così raro tra gli allergici all’uva e ai suoi derivati.

Test allergologici


Ricordiamo che l’unico metodo per accertare la presenza di un’allergia, compresa quella al vino, è sottoporsi a dei test allergologici affidabili. In questo modo è possibile scartare l’ipotesi allergica e concentrarsi su altre forme di ipersensibilità che non permettono di digerire correttamente il vino e l’uva. Ad esempio, potrebbe trattarsi di sensibilità ai solfiti, che può provocare principalmente dispnea e difficoltà a respirare, asma, rinite, raramente orticaria e ancora più raramente anafilassi. In altri casi ancora, i disturbi provocati dall’ingestione di vino potrebbero essere scatenati da una bassa tolleranza all’alcol.

Ad ogni modo, se presentate sintomi sospetti dopo aver bevuto del vino o aver mangiato dell’uva, consultate il vostro medico di base che potrà prescrivervi, se lo ritiene opportuno, dei primi test allergologici. Questo è possibile grazie all’introduzione dei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza nel 2017, che permettono ai medici di medicina generale e ai pediatri di prescrivere delle prime analisi del sangue volte a individuare gli anticorpi che si attivano in presenza di allergeni.

Da qui potete partire insieme al vostro medico per individuare cosa vi provoca disturbi e imparare a gestirli.

 

Fonti

http://www.phadia.com/en/Products/Allergy-testing-products/ImmunoCAP-Allergen-Information/Food-of-Plant-Origin/Fruits/Grape/

https://waojournal.biomedcentral.com/articles/10.1097/WOX.0b013e3181c82113

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3391999/

https://www.allergy.org.au/patients/product-allergy/sulfite-allergy

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17228170

Disclaimer

79 Condivisioni

Be the first to comment on "Allergia al vino e all’uva: quando non è ipersensibilità alimentare"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi